Viaggio nelle parole: NEOCAPITALISMO

neocapitalismo

 

 ·

Capitalismo significa che chi ha tanti soldi può moltiplicarli facendo lavorare gli altri. Neocapitalismo significa la stessa cosa ma su scala globale, senza le interferenze del nazionalismo e le limitazioni imposte da stati e comunità; e senza neppure bisogno di produrre beni utili e progresso, semplicemente creando desideri impossibili da realizzare a livello di massa e prestando denaro con la certezza che non verranno realizzati.
In altre parole, il sistema neocapitalista schiaccia la gente (e sempre di più intere regioni o paesi) in una perenne condizione di debito e di insoddisfazione: che la costringe a lavorare soltanto per pagare gli interessi e la mantiene povera, sfiduciata e sottomessa, incapace di sognare la propria emancipazione e lottare per essa.

Un elemento fondamentale di questa strategia è la distruzione del senso di appartenenza e del sistema pubblico: ottenuta da un lato facilitando la circolazione delle merci, delle persone e dei capitali, dall’altro diminuendo drasticamente la pressione fiscale sui ricchi e sulle loro corporation o permettendo (che è la stessa cosa) ai ricchi e alle corporation di evadere le tasse. I risultati, voluti, sono la diminuzione della qualità della vita di buona parte della popolazione e l’osceno arricchimento di pochi. Le rare eccezioni sono costituite da nazioni piccole e omogenee (Svizzera, Olanda, paesi scandinavi) o da paesi, come la Germania, che finanziano il proprio stato sociale sfruttandone altri.


Come uscirne?

L’unico modo sarebbe iniziare un graduale ma deciso processo di deglobalizzazione e di decrescita, in cui il calo dei consumi fosse compensato da una equa redistribuzione del reddito e da una stretta regolamentazione dei rapporti commerciali e delle migrazioni.
Ma non è la strada che si sta imboccando: come il TTIP e il TPP dimostrano, l’alleanza fra il liberismo e il buonismo sta anzi portando a ulteriore deregulation, a nuove privatizzazioni e a una deriva individualista; anche in paesi, come l’Italia, in cui l’indice di solidarietà sociale era restato alto.

Resta da vedere se quando crisi e catastrofi costringeranno la gente ad aprire gli occhi (giornalisti, intellettuali di regime ed economisti continueranno a negare l’evidenza sino a che non saranno spazzati via), ci sarà ancora tempo per rimediare o occorrerà passare attraverso distruzioni, stragi e guerre di dimensioni senza precedenti nella storia.

Di Francesco Erspamer
Dalla pagina facebook dell’autore
Foto web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close