OGNI EPOCA HA IL SUO FASCISMO

 

Niente ritorna dopo quasi un secolo, a maggior ragione dopo un secolo di profonde trasformazioni. Meglio rassegnarsi: purtroppo il fascismo, quello che era stato annientato e che se tornasse sarebbe di nuovo sconfitto, non tornerà.

La camicia nera e il saluto romano oggi servono solo a intrattenere e in particolare a distrarre l’attenzione di una sinistra disorganizzata e per questo nostalgica, che nasconde la propria passività nei confronti del più brutale e arrogante neocapitalismo sotto un antifascismo formale, d’altri tempi, decontestualizzato e pertanto astratto, la via italiana alla correttezza politica.


Ogni epoca ha il suo fascismo e il nostro è in camicia bianca; il suo fine è il medesimo, l’ineguagllianza, però spaccia globalismo invece di nazionalismo, privatizza invece di statalizzare e usa i media piuttosto che i manganelli; perché questo adesso conviene ai ricchi e agli speculatori, gli stessi a cui un tempo, per fermare il socialismo, convenne usare le squadracce.

Ogni epoca ha il suo fascismo e chi manca di contrastare il proprio per continuare a far finta di combattere quello già battuto (e per sempre) dalle precedenti generazioni, non è un antifascista, tutt’al più un illuso, a volte un complice.

Francesco Erspamer

Dalla pagina fb dell’autore

 

Foto RETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close