Cacatoio per cani o parco giochi per bambini?

Questo giardinetto al Palazzotto ha una strana storia. Fino agli anni Sessanta c’era la vigna di Giovanni e qualche albero di pesco e di fico. Da ragazzo, con alcuni compagni, si andava a sgraffignare qualche grappolo di uva fragola, quando si era sicuri di non essere a portata di scapaccioni.

Quando si sistemò il Palazzotto la vigna di Giovanni si pensò di trasformarla in parco.

Fu pensato e attrezzato per offrire qualche opportunità ai bambini per giocare. Il tempo di gestazione è stato lungo. Oggi è come lo vedete.

Ma con il recente esplodere dell’amore per i cani, diversi cinofili ritengono che oltre a parco giochi per i bambini quello spazio può funzionare anche come cacatoio per i cani. Per questi signori non c’è alcuna differenza tra una latrina e un parco, ed un cane ha più diritti di un bambino.

È normale tutto questo?

Se c’è qualcosa che non va, chi di dovere può porvi rimedio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close