NINNA NANNA – Nun c’è la mamma tuja ch’è juta fora

.

Nel tempo contadino le stradine del nostro paese risuonavano del ticchettio d’una sedia dondolante e della voce cantilenante di una mamma, che cercava di far dormire il suo bambino, cantando una ninna nanna. Allora si nasceva in casa con l’aiuto della Vammana. Le nascite erano tante. Il paese era pieno di bambini. Quando vennero aperte le scuole medie, nei primi anni Sessanta, c’erano tre corsi, con una media di 25/30 ragazzi per classe

Oggi? Altro mondo. Alle scuole medie hanno dovuto inventarsi una pluriclasse.

Orsomarso è diventato un paese per vecchi, come il sottoscritto.

Il futuro? Meglio la ninna nanna

.

 

Oh, oh, oh …

Nun c’è la mamma tuja, ch’è juta fora,

quannu si vota porta li violi.

.

Oh, oh , oh.

Ma li vijoli ancora  nun su fatti,

e mamma tuja n’ha cutu nu mazzu.

.

Oh, oh, oh.

E li vijoli ancora nun su hjuruti

E mamma tuja n’ha cutu na sinalata.

.

Oh, oh, oh.

Tutti li quatrariddi van’ a linna,

lu bellu mia scriva cu la pinna.

.

Oh, oh, oh.

Piccininniddu mia, piccininnunu,

ra Napule ti vena ‘nu juppunu.

.

Oh, oh, oh.

Ra Napule ti vena ‘na masciata,

lu figghio ri lu re ti l’ha mannata.

.

Oh, oh, oh.

Tu vai pi mari e jio pi la marina,

tu pigghia li pisci e jio la rizza tiru.

.

Oh, oh, oh.

Tu vai pi mari e jio pi la muntagna

Tu pigghia pisci e jio la rizza spannu.

.

Oh, oh, oh.

Ohi sunnu ‘ngannaturu, ‘nganna munnu,

‘nganna lu bellu mia, j’è nu palummu.

.

Oh, oh, oh.

Lu sunnu n’ha prumiso ra stanotti,

mo s’è ‘ncagnato e sta ‘mmucc’alla porta.

.

Oh, oh, oh.

Lu sunnu m’ha prumisu ca vinia,

mo s’è ‘ncagnato e sta ‘mmizz’alla via.

.

Oh, oh, oh.

Vinicci sunnu e nu binennu sulu,

veni alla cumpagnia ri li signuri.

.

Oh, oh, oh.

Venicci sunnu e nu binennu stancu,

veni a cavaddu a nu cavaddu janco.

.

Oh, oh, oh.

Venicci sunnu e nu lu straziari,

ch’è piccininno e s’adda ripusari.

.

Oh, oh, oh.

Stu figghjo mi l’ha dato san Giseppe,

jio pi l’amuri suja lu mitto a litto.

.

Oh, oh, oh.

Stu figghjo mi l’ha dato la Maronna,

ji pi l’amuri suja lu mitto a dormi.

.

Oh, oh, oh.

Ohi Maronna mia, ri luccu vascio,

si chiangia lu bellu mio va mi lu sfascia.

.

Oh, oh, oh.

Ohi Maronna mia, ri luccu susu,

si chiangia lu bellu mia va mi lu susa.

.

Oh. Oh, oh.

Jancu palummu ri la palummara,

janchi hai li pinni e ti ni voi vulari.

.

Oh, oh, oh.

Jancu palummu adduvi hai fatto l’ova,

‘mperi allu Crivu ri Santu Nicola.

.

Oh, oh, oh.

Jancu palummu adduvi hai fattu lu niru,

‘mperi allu Crivu ri Santa Maria.

.

Oh, oh, oh.

‘Mperi allu campanaru c’è ‘na ‘ntinna,

lu bellu mia fa l’acchiana e scinna.

.

Oh, oh, oh.

‘Mperi allu campanaru ci caristi,

‘na vranca ri curallu ci criasti

.

Oh, oh, oh.

‘Mperi allu campanaru c’è ‘na rosa,

la vo lu bellu mia, ci si riposa.

.

Oh, oh, oh.

.

.

(Se a questo punto il risultato era raggiunto, tutto bene. Altrimenti bastava armarsi di pazienza e ricominciare…)

.

Anche questa ninna nanna la devo alla cortesia di GIOVANNI SPINICCI. Lo ringrazio. Speriamo che Giovanni continui a conservare i suoi ricordi. Sono preziosi, per nutrire la memoria di questa comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close