FELICITA’ e RICCHEZZA non camminano a braccetto. Il Paradosso di Easterlin

Il Paradosso della Felicità (o Paradosso di Easterlin) fu definito negli anni ’70 del secolo scorso dall’economista americano Richard Easterlin che, con un approccio innovativo, aveva iniziato a studiare la relazione tra reddito e felicità o benessere soggettivo. Per studiare questa relazione, bisogna andare a chiedere ad un campione di individui se e quanto sono felici o soddisfatti della propria vita in generale ed esaminare se e come queste valutazioni variano a seconda del reddito percepito.

Easterlin osservò che, ad un dato istante, mettendo in relazione le valutazioni soggettive con i redditi degli stessi individui che le hanno espresse (analisi cross-section), è del tutto comune riscontrare una correlazione positiva tra il benessere soggettivo ed il reddito percepito. Tuttavia i) la correlazione tra queste due variabili è di solito piuttosto bassa – infatti vi sono molti altri fattori, oltre al reddito, che influenzano il benessere soggettivo (età, stato di salute, relazioni affettive, confronti interpersonali ecc.); ii) tale correlazione diminuisce all’aumentare dei redditi percepiti, tendendo infine a scomparire.

Qualcosa di analogo si riscontra quando agli individui si sostituiscono i paesi del mondo come mostra la Fig. 1, dove in ascissa è misurato il PIL pro capite (p.c.) e in ordinata il livello di soddisfazione rispetto alla propria vita (dati tratti da un’indagine condotta nel 2006 dalla società Gallup in 132 paesi. Ogni paese è rappresentato da un cerchio con diametro proporzionale alla sua popolazione).

Da tale figura è facile trarre le seguenti considerazioni:

– nei paesi più ricchi si riscontrano, in media, livelli di soddisfazione maggiori rispetto ai paesi più poveri;

– il gruppo di paesi con livello di soddisfazione da 5 in su presenta un’elevatissima variabilità in termini di reddito. Ad esempio, tra i numerosi paesi con livello di soddisfazione intorno a 7 troviamo molti di quelli più ricchi (tra cui Italia e USA), ma anche paesi a reddito medio-basso come Costa Rica e Venezuela, i cui abitanti appaiono altrettanto soddisfatti di quelli dei due paesi più ricchi del mondo (USA ed Emirati);

– se immaginiamo di interpolare i punti/cerchi con una curva, la pendenza di questa risulterebbe più elevata per i paesi più poveri e tenderebbe a diminuire marcatamente via via che ci si sposta verso destra, con la dispersione dei punti/cerchi attorno alla curva che aumenta da sinistra a destra;

– tra i paesi ricchi vi è un nutrito gruppo che, pur avendo livelli di PIL p.c. quasi coincidenti (tra 26.000 e 29.000 dollari), presenta notevoli differenze in termini di soddisfazione. Agli estremi di questo gruppo troviamo Hong Kong con il livello di soddisfazione più basso e la Danimarca con il livello più alto.

– se ci si restringe al gruppo dei paesi più ricchi, un’eventuale retta di regressione risulterebbe debolmente crescente o decrescente a seconda del numero di paesi considerati, ma presenterebbe comunque un bassissimo valore di R2.

Il Paradosso della Felicità

Quindi, riassumendo, a livello cross-section il benessere soggettivo appare positivamente correlato al PIL p.c., sebbene questa correlazione sia generalmente piuttosto bassa e tenda ad annullarsi in corrispondenza dei livelli di reddito più elevati. Questa osservazione costituisce il primo aspetto del cosiddetto paradosso della felicità – paradosso perché contraddice la credenza diffusa e consolidata secondo cui un aumento di ricchezza dovrebbe generalmente determinare un aumento del benessere.

Il secondo aspetto del paradosso si coglie quando si passa dall’analisi cross-section a quella temporale, andando a vedere come il benessere soggettivo (medio) di un paese varia nel tempo.

La Fig. 2 rappresenta la serie storica del benessere soggettivo medio in Giappone nel periodo 1958 – 87, durante il quale il PIL p.c. è quintuplicato in termini reali. Secondo la teoria economica dominante ci sarebbe dovuto essere un corrispondente aumento del benessere medio che però non si è verificato.

La Fig. 3 si riferisce invece agli Stati Uniti e mostra come, a partire dalla metà degli anni ’50, si sia creata una forbice sempre più ampia tra il PIL p.c. e la percentuale di persone molto felici. Un fenomeno simile, anche se meno marcato, si riscontra anche per l’Italia in anni recenti. In particolare tra il 2001 e il 2008, ultimo periodo di crescita moderata prima dell’arrivo della crisi, si è verificata una diminuzione della percentuale di persone soddisfatte in relazione a quasi tutti gli aspetti della vita considerati dall’Istat (Fonte: Indagine Istat sugli aspetti della vita quotidiana).

La Figura 4 si riferisce invece alla Cina ed è basata su un campione di 15.000 individui intervistati dalla società Gallup. Nel periodo considerato (dal 1994 al 2005) il PIL p.c. della Cina è cresciuto in termini reali del 250% con riflessi sostanziali sullo standard di vita materiale: le famiglie che possiedono un televisore a colori sono aumentate dal 40 al 82 per cento e quelle che dispongono del telefono sono passate dal 10 al 63 per cento. Tuttavia il benessere soggettivo dei cinesi appare addirittura peggiorato.

Perché la crescita economica non rende la gente felice

Easterlin (1996) fornisce due principali spiegazioni del paradosso in questione.

 La prima delle quali riguarda i confronti interpersonali. “In generale, la felicità, o il benessere soggettivo, varia direttamente con il proprio reddito ed inversamente con il reddito degli altri. Ad ogni dato istante, i redditi sono fissati e coloro che sono più ricchi, in media, si sentono più felici. Tuttavia, innalzare i redditi di tutti, non fa aumentare la felicità di tutti poiché, per ciascuno, l’effetto positivo sul benessere soggettivo prodotto dall’aumento del proprio reddito, è compensato dall’effetto negativo di un più elevato livello di vita medio che deriva dalla generale crescita dei redditi.” (p. 140).

La seconda spiegazione riguarda il fatto che, nella ricerca della felicità, gli individui finiscono spesso in una “trappola delle aspettative crescenti”: è il meccanismo per cui la soddisfazione derivante dall’acquisizione di un nuovo bene (per esempio, un’automobile migliore della precedente o una casa più bella e spaziosa), dopo un aumento temporaneo ritorna rapidamente al livello precedente in quanto gli individui si adattano alla nuova situazione e tendono a spostare sempre più in alto i loro desideri.

Vediamo sinteticamente alcune altre spiegazioni, la prima delle quali si ricollega al tema dei confronti interpersonali:

– anni di politiche incentrate sulla crescita del PIL hanno provocato quasi ovunque un aumento della disuguaglianza economica, il cui riflesso è una maggiore proporzione di persone relativamente svantaggiate e dunque insoddisfatte;

– perseguire un tipo di benessere basato soprattutto sul consumo tende a rendere le persone più povere in termini di tempo libero, creatività, relazioni sociali e fiducia negli altri (Bartolini, 2010);

– gli “effetti collaterali” dell’attuale modello di sviluppo in termini di malattie, inquinamento, criminalità e altri problemi sociali, comportando delle spese difensive tendono a gonfiare il PIL dandoci l’illusione di stare meglio quando invece si sta peggio;

– con la scusa di favorire la crescita economica, l’establishment politico e mediatico, sempre più al servizio di poteri economici forti, presenta i suddetti effetti collaterali come inevitabili e spaccia per necessari provvedimenti sempre più in antitesi con gli interessi della gente e con la democrazia;

– l’esempio più eclatante è la privatizzazione dei servizi e delle infrastrutture pubbliche che favorisce, sì, la crescita del PIL, ma lo fa a spese dei cittadini che si ritrovano a pagare tariffe sempre più alte o, nei casi peggiori, rimangono esclusi da importanti servizi non potendosi permettere di pagarli in base ai nuovi canoni.

In un bellissimo libro intitolato “Manifesto per la felicità”, Bartolini (2010) introduce il concetto di crescita endogena negativa per indicare il meccanismo perverso mediante cui la crescita economica tende a produrre degrado ambientale e relazionale che poi si cerca di compensare con una maggiore produzione di beni e servizi; tuttavia questa ulteriore crescita economica tende ancor più ad aggravare lo stato dell’ambiente e delle relazioni in un circolo vizioso che si autoalimenta. Bartolini sottolinea come il perpetuarsi di questo meccanismo sia dovuto in buona parte al fatto di trovarci nella “trappola di una democrazia apparente” in cui le politiche adottate non sono quelle che proteggono gli interessi della gente, ma piuttosto quelle che favoriscono gli interessi di poteri forti da cui partiti e singoli politici ricavano in cambio finanziamenti e favori.

 Considerazioni conclusive

Il Paradosso di Easterlin o Paradosso della felicità suggerisce che, quando un Paese ha superato una certa soglia di sviluppo economico, non vi è più correlazione tra il PIL pro capite e la felicità dei suoi abitanti. Questa scoperta empirica ha messo in crisi l’idea consumistica del benessere e la supposta utilità delle politiche incentrate sulla crescita, stimolando economisti e psicologi ad interrogarsi più approfonditamente su che cosa le persone intendano per “felicità” e su che cosa le renda felici. Eppure, sebbene una mole di successive ricerche e di nuove evidenze empiriche abbiano confermato l’osservazione di Easterlin, consumismo e sviluppismo continuano a pervadere la nostra società e a condizionarne fortemente le scelte politiche. Quando si dimostra che un’idea è sbagliata o addirittura dannosa, sarebbe naturale che con il tempo venisse abbandonata; ma quando essa resiste e continua a dominare è bene chiedersi chi abbia interesse ad alimentarla e con quali strategie.

Cambiare il modello di produzione e consumo che sta portando l’Umanità verso una catastrofe ecologica e sociale è certamente possibile oltre che conveniente. Per farsi un’idea di come si possa realizzare questo cambiamento suggerisco la lettura del citato libro di Bartolini o le proposte del movimento per la decrescita felice, nonché la visione di due documentari non-profit reperibili in internet: “Zeitgeist Moving Forward” (Peter Joseph, 2011) e “Thrive” (Foster Gamble, 2011).

Quando si va a fondo in questa tematica, si finisce  per riconoscere che i veri ostacoli al cambiamento non sono né di natura tecnologica né di natura organizzativa, ma sorgono piuttosto ad opera dell’apparato politico corrotto che gestisce la nostra apparente democrazia, un apparato sempre più asservito a quei potenti gruppi economici, industriali e finanziari, che sono gli unici a trarre profitto da questo stato di cose. In questa cornice, il ruolo dei mezzi di informazione è quello di ignorare ogni valida proposta di cambiamento che vada contro gli interessi di questa potente élite.

Qualora non sia possibile ignorare una proposta “scomoda”, la strategia adottata può essere quella di farla apparire utopistica (e quindi irrealizzabile) o di ridicolizzarla, o anche di screditare e mettere in cattiva luce chi la propone (Cheli, 2011).

Prendere consapevolezza di ciò è responsabilità di ogni cittadino, ad iniziare da chi possiede gli strumenti e le capacità intellettuali più adeguate. Per questo molti di coloro che si occupano di studi in campo socio-economico farebbero bene, nell’interesse proprio e di tutti, ad alzare lo sguardo dall’orizzonte ristretto delle loro ricerche e del loro ambito di lavoro per dedicare un po’ di tempo a documentarsi seriamente su questi temi, verificando di persona che quelle a cui ho accennato non sono solo le congetture di qualche “eccentrico”, ma piuttosto “scomode verità” di cui urge prendere atto per il bene di ognuno e a salvaguardia della democrazia.

Bruno Cheli

Dipartimento di Economia e Management  Università di Pisa

[email protected]

FOTO: Rete

Riferimenti bibliografici

Bartolini, S., (2010) Manifesto per la felicità. Come passare dalla società del ben-avere a quella del ben-essere. Donzelli.

Cheli, E., (2011) Come Difendersi dai Media. Gli effetti indesiderati di giornali, radio, tv e internet. La Lepre.

Deaton, A., (2008) Income, Health, and Well-

Being Around the World: Evidence From the Gallup World Poll, Journal of Economic Perspectives, Volume 22, Number 2, Spring 2008.

Easterlin, R.A., (1996) Growth Triumphant. The twenty-first Century in Historical Perspective, The University of Michigan Press.

Kahneman, D., Krueger, A. B., (2006) Developments in the Measurement of Subjective Well-Being, Journal of Economic Perspectives, Vol. 20, N.1, Winter 2006, pp. 3 24.

Ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close