Il Triangolo di Penrose

 

Il Triangolo impossibile (conosciuto anche come Triangolo di Penrose) fu creato per la prima volta nel 1934 da Oscar Reutersvärd. Nel 1954, Penrose, famoso fisico matematico, aveva assistito a una lezione di M. C. Escher, che lo ispirò riscoprire il triangolo impossibile. Penrose (che non conosceva il lavoro di Reutersvärd, Piranesi e altri precedenti scopritori del triangolo) disegnò l’illusione nella forma che oggi ci è familiare, pubblicando nel 1958 le sue osservazioni sul «British Journal of Psychology», in un articolo scritto insieme a suo padre, Lionel. Nel 1961, Penrose spedì una copia dell’articolo a Escher, il quale incorporò l’effetto del triangolo in La Cascata, una delle sue litografie più famose.

Diversi artisti contemporanei di recente hanno accettato la sfida di creare «opere d’arte impossibili». Ovvero vogliono creare oggetti tridimensionali reali che tuttavia sembrano impossibili. Questi artisti si rifanno alle figure impossibili create dai loro predecessori, tra i quali il famosissimo M. C. Escher. La galleria di immagini che state osservando offre esempi di arte impossibile, ed è curata da Susana Martinez-Conde e Stephen L. Macknik, scienziati del Barrow Neurological Institute, a Phoenix, che si occupano di neuroscienze e illusioni.

DA https://www.lescienze.it/archivio/multimedia/2009/02/02/foto/scolpire_l_impossibile-550063/1/#1

Il triangolo di Penrose o triangolo impossibile è un oggetto impossibile, ovvero può esistere solamente come rappresentazione bidimensionale e non può essere costruito nello spazio, poiché presenta una sovrapposizione impossibile di linee con differenti costruzioni prospettiche. Appare come un solido costituito da tre prismi a base quadra uniti tra loro con tre angoli retti a formare un triangolo. Ricordiamo che in geometria euclidea la somma degli angoli interni di un triangolo corrisponde a 180°, pertanto non può esserci più di un angolo retto.

DA https://it.wikipedia.org/wiki/Triangolo_di_Penrose

 

FOTO: Rete

 

Ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close