CANZONE DI SDEGNO – Amuri m’hai attaccatu alla tinagghia

 

 

Si sa, i percorsi dell’amore sono imprevedibili: giardini ameni, brughiere, montagne faticose.

A volte s’interrompono bruscamente, e persino la bussola fatica per ritrovare l’orientamento. Il dopo è aspro, a volte acido; raramente mantiene l’antico sapore che addolciva il tempo e le cose.

Nell’aspro del dopo nascevano, nel mondo contadino, le “canzoni di sdegno”. Erano invettive che l’innamorato deluso rivolgeva all’antica stella del mattino.

 

Amuri m’hai attaccatu alla tinagghia

Sdegnu ri gelusia, sglioglimi, sciogli.

Tu crerisi ca pi tia io mi squagghiu,

Ma mi passarunu quiddi primi vogli.

 

Senza firretti nun si fa la maglia,

A lampa nun s’allumma senza ugghiu.

Pigghia la runca e ramuci nu tagghiu.

Amicizia cu tia chiù nun ni vogghiuu

 

FOTO: Rete

Qualche settimana fa da Michele

 

Ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close