IL GIARDINO ZEN

IL GIARDINO ZEN

Un maestro zen chiese ad un discepolo di pulire il giardino del monastero. Il discepolo pulì il giardino e lo lasciò in uno stato impeccabile. Il maestro non rimase soddisfatto. Lo rispedì a pulire una seconda volta, e poi una terza.

Scoraggiato, il povero discepolo si lamentò:

“Maestro, non c’è più nulla da mettere  in ordine, più nulla da pulire in questo giardino! È già tutto a posto!”

“Tranne una cosa”, rispose il maestro.

Scosse un albero e si staccarono delle foglie, che andarono a cadere per terra.

“Ora il giardino è perfetto”, concluse.

Esiste un aspetto ordinato della mente che permette all’intelletto di lavorare nell’ordine, e un aspetto disordinato che permette all’inconscio di manifestarsi. L’ordine perfetto esiste solo accanto al disordine. L’ordine totale in un giardino uccide il giardino.

.

A. Jodorowsky : “Il dito e la luna”

PARCO DEL POLLINO   –  Saracena:  Schiena di Rossale (Inverno 2005)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close