CALCIO DI CASA NOSTRA

 

 

 

Era il tempo della “bella stagione”. E questa foto ne racconta tutta la fragranza. Li vedete: giovani, belli, sereni, si dispongono al rito del pallone.

La memoria torna a quel tempo ed i ricordi vengono su a grappoli, fragranti come  ciliegie.

 

Il poeta Umberto Saba si è lasciato prendere anche lui dal fascino del calcio e parla così della sua squadra paesana.

 

 

 

[…] Trepido seguo il vostro gioco.

Ignari

esprimete con quello antiche cose

meravigliose

sopra il verde tappeto, all’aria, ai chiari

soli d’inverno.

 

Le angosce

che imbiancano i capelli all’improvviso,

sono da voi così lontane! La gloria

vi dà un sorriso

fugace: il meglio onde disponga. Abbracci

corrono tra di voi, gesti giulivi.

 

Giovani siete, per la madre vivi;

vi porta il vento a sua difesa. V’ama

anche per questo il poeta, dagli altri

diversamente – ugualmente commosso.

 

U. Saba

 

Per i nomi dei signori presenti nella foto mi affido alla vostra collaborazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close