Dicembre, I PROVERBI DEL MESE

.

Una volta, al primo di dicembre le vecchiette della campagna senese recitavano un proverbio apparentemente enigmatico e fors’anche ambiguo che richiede una spiegazione: «Per Sant’Ansano uno sotto e uno in mano». Siccome alla festa di Sant’Ansano, patrono di Siena, che cadeva come oggi in questa data, il freddo cominciava a mordere, le vecchiette si difendevano infilando uno scaldino sotto le gonne e tenendone un altro in mano. Proprio a San t’Ansano si apre nella città toscana l’anno «contradaiolo»: sulla tomba del martire, nell’omonima cappella del duomo, si recano per rendergli il rituale omaggio i priori delle diciassette contrade.

Ormai da un punto di vista meteorologico è inverno, come ricorda il proverbio: «Un mese prima di Natale, un mese dopo Natale è inverno naturale». E il freddo punge, come rammenta un altro in romanesco: «Le ggiornate d’inverno so mozzichi», sono morsi. I veneti a loro volta ammoniscono che «L’inverno l’è ‘1 boia dei veci, el purgatorio dei puteleti, e l’inferno dei poareti».

In questo periodo i contadini sperano che nevichi perché «Sotto la neve pane, sotto l’acqua fame». La neve, infatti, costringe il seme di grano a svilupparsi sotto terra, mentre la pioggia può alla lunga provocare l’uscita prematura del germoglio che non soltanto sarebbe privo d’un robusto sistema di radici capaci di sostenerlo durante la crescita e nei periodi aridi, ma rischierebbe anche di bruciare per le gelate.

Tuttavia il freddo peggiore deve ancora arrivare. Ricorda un proverbio veneto: «De Nadal un freddo coral; de la vecia un freddo che se crepa», da Natale un freddo tremendo, dalla Befana un freddo che si crepa.

Da LUNARIO, di A. Cattabiani – Mondadori

Foto: Rete

Ad Orsomarso i contadini solevano indicare gli ultime tre mesi dell’anno in questo modo: OTTRUVO, SANTO MARTINO E NATALE.

C’erano detti che si ripetevano in dicembre. Eccone alcuni:

.

“Cu Natali si vo fa,

ra santa Lucia adda cumincià”

.

“Prima ri Natali friddo e fame,

ra Natali ‘nnanti

tremano puri i santi.”

.

“Quannu chioviri a santa Bibbiana (2 dic.)

chiove quaranta jurne e ‘na simmana.”

.

“A santa Lucia nu passo ri gaddina,

ra santa Lucia a Natale nu passo ri cane,

ra Natale ‘nnanti nu passo ri gigante.”

 

Sant’Andria (30 novembre)

ni rissiri a santu Nicola  (6 dicembre)

ri fa sapì a Lucia  (13 dicembre)

di rici a Maria  (8 dicembre)

ca u vinticinco veniri u Missia (25 dicembre)

 

A niva dicembrina pi tre misi l’hai vicina

 

Quannu u timpu è da muntagna, pigghja a zappa e ba ‘n campagna,

quannu u timpu è da marina, pigghja a pignata e ba ‘n cucina.

 

Ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close