Santa Catrina

Binari del trenino a Santa Catrina

Fino al 1951, nella valle dell’Argentino, era in funzione un trenino che serviva per portare alla Segheria i tronchi degli alberi abbattuti in montagna.

Questa foto,  mostra un tratto dei binari nella zona di Santa Catrina.

Il taglio indiscriminato dei boschi, in tutta la zona del  Pollino, è cominciato ai primi del ‘900.

 

Il 27 agosto del 1910, un’agguerrita ditta tedesca, la Rueping S.p.A., e il comune di Saracena conclusero un contratto che prevedeva lo sfruttamento di questo immenso patrimonio forestale per almeno un ventennio.

A partire dal 1927, al massimo della sua espansione, la Rueping accorpo’ altri territori rientranti nei comuni di Lungro, Morano Calabro, Mormanno, Acquaformosa, Firmo, S.Donato di Ninea, S.Sosti e Verbicaro giungendo sino alle falde del Cozzo del Pellegrino.
Qualche anno piu’ tardi, a causa di insanabili contrasti con gli amministratori di Saracena, la Rueping smantello’ i cantieri e si trasferi’ nelle montagne lucane.

 

(Dal libro “La Faggeta nella Montagna Calabrese” di C.Magliocco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close