Stretta di mano

La stretta di mano di questi due ragazzini fa tanta tenerezza.

Sono Attilio Minervini (che mi ha passato la foto) e Salvatore Giannotti.

Guardate la facciata del Palazzotto. A me sembra più bella di quella che è venuta fuori dopo il restauro. A conferma che non abbiamo saputo prenderci cura del nostro passato.

Il guaio è che gli errori si sono ripetuti nel tempo: penso alla chiesa di santo Linardo, dove venne distrutta la scala laterale, a Via Porta la Terra con lo smantellamento della fontana, alle arcate sigillate del Palazzo Baronale, alla costruzione del serbatoio  dell’acquedotto al Calvario, togliendo alla comunità uno degli angoli più suggestivi del paese, meta della pietà popolare durante la settimana santa,  a Piazza Municipio con la costruzione di un baldacchino che si offre come uno squallido segno della miseria del nostro tempo, al Ponte del Mulino privato del sua poetica semplicità.

Rovine di un passato mortificato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close