PER GIOVANNI

È passato un po’ di tempo, da quando Giovanni Calvano ci ha lasciati. Mi piace ricordarlo.

Persona di grande signorilità, mi legavano a lui rapporti di amicizia. Spesso, alle panchine della rimembranza, ci siamo fermati a discutere. Con lui i discorsi non erano mai banali. Da giovane aveva imparato a suonare la tromba; aveva fatto parte anche della banda del paese. Amava la musica e l’ascoltava spesso alla radio. L’America Latina è stata la sua seconda patria.

Che la terra gli sia lieve!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close