Fuggire la propria ombra

 

 

C’era una volta un uomo che aveva paura della propria ombra e detestava le proprie orme. Perciò decise di liberarsene fuggendo. Ma più correva, più le sue orme si moltiplicavano; e, quanto alla sua ombra, continuava a seguirlo senza difficoltà.

Pensando che la velocità fosse ancora insufficiente, si mise a correre più forte, sempre più forte, senza un attimo di pausa, finché cadde morto.

Non aveva capito che sedendosi all’ombra di un albero si sarebbe liberato della propria ombra e avrebbe cessato di lasciare orme.

.

(Zhuang Zi, XXXI)

FOTO: Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close