Per i pesci del Mediterraneo

 

Prendete e mangiatene tutti.

Questi sono i corpi planati

a braccia aperte sul fondale.

In terra sono stati crocifissi,

ora sono del mare e di voi pesci.

Prendete e mangiatene tutti,

che non avanzi niente,

nessuna delle corde vocali

che hanno gridato al vento.

Fate questo in memoria di noi

che rimaniamo a riva.

Lasciatevi afferrare dalle reti

per essere venduti sul banco del mercato,

dove i sopravvissuti furono venduti.

Sarete sulle nostre tavole imbandite.

Di voi sazi di loro, mangeremo tutto.

Conservate una spina per le nostre gole,

toglietela dalla corona dei perduti.

 

Erri De Luca

Foto: Rete

Suggerita dal prof. Vincenzo Bloise

Ti potrebbero interessare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close