Orologio

.

Ero fanciullo, andavo a scuola: e un giorno

dissi a me stesso: -Non ci voglio andare-

E non ci andai. Mi misi a passeggiare

solo soletto, fino a mezzogiorno.

.

E così spesso a scuola non andai

che qualche volta da quel triste giorno.

Io passeggiavo fino a mezzogiorno

e l’ore… l’ore non passavan mai.

.

Il rimorso tenea tutto il mio cuore

in quella triste libertà perduto,

e l’ansia mi prendea d’esser veduto

dal signor Monti, dal signor dottore.

.

Pensavo alla mia classe, al posto vuoto,

al registro, all’appello (oh, il nome, il nome

mio nel silenzio!) e mi sentivo come

proteso nell’abisso dell’ignoto…

.

Infine io mi spingea fino ai giardini

od ai viali fuori di città;

e mi chiedevo: -Adesso chi sarà?

interrogato, Poggi o Poggiolini?

.

E fra me ripetevo qualche brano

di storia (Berengario… Carlo Magno…

Rosmunda…) ed era la mia voce un lagno

ritmico, un suono quasi non umano…

.

E quante, quante volte domandai

l’ora a un passante frettoloso; ed era

nella richiesta mia tanta preghiera!

Ma l’ore… l’ore non passavan mai!

.

MARINO MORETTI

.

FOTO: Orsomarso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close